Prima domenica di maggio… il “Voto di Calceranica”

Era l’anno 1945 quando i capifamiglia di Calceranica decisero di fare un “Voto alla Madonna”, affinché preservasse dai bombardamenti del secondo conflitto mondiale il paese.
Il Voto si componeva di quattro punti:

  • La riforma dei costumi, particolarmente della gioventù

  • L’impegno massimo per bandire dalle famiglie la bestemmia

  • Il santificare scrupolosamente la festa

  • La recita giornaliera del S.Rosario in tutte le famiglie per un anno

Negli anni a venire, il Voto, venne modificato nella consuetudine di portare in processione per le vie del paese -la prima domenica di maggio – la statua della Madonna. Da allora ogni anno la comunità, mantenendo fede alla promessa fatta dai nostri padri e nostri nonni, si ritrova nella giornata prefissata presso la chiesa Santa Maria Assunta alla Pieve, da dove ha inizio la processione con la statua dell’Assunta portata a spalla, preceduta dagli storici gonfaloni e accompagnata dai canti e dalla recita del S.Rosario. Quest’anno, viste le limitazioni imposte dalla pandemia del Covid 19 – che di fatto impediscono di fare processioni -, per mantenere comunque l’impegno preso in quegli anni dai nostri concittadini, ci troveremo in chiesa domenica 2 maggio alle ore 18.00 per la recita del Santo Rosario in onore della Vergine.

   – Particolare della vetrata posta dietro all’altare della chiesa S. Maria Assunta, riportante il Voto alla Madonna